CONSULENZA E PROGETTAZIONE SULLA SICUREZZA

 

 

 

 

 

Il D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81 ha recepito numerose direttive della CEE in materia di tutela dell’ambiente di lavoro e di miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante l’espletamento della prestazione lavorativa.

Mira alla protezione dei lavoratori da agenti chimici, fisici e biologici riconosciuti potenzialmente dannosi per la salute, ma anche alle generali prescrizioni di misure minime di sicurezza. Il decreto sottolinea sia le priorità di misure di protezione collettiva sia quelle di protezione individuale.

LaJoin Academy & Consulting fornisce assistenza alle Aziende per TUTTI gli adempimenti previsti dal D.Lgs. 81/08.

In particolare si offrono più livelli di verifica e supporto in base alle necessità aziendali specifiche:

  • Esecuzione di sopralluoghi negli ambienti di lavoro finalizzati ad individuare la conformità degli stessi rispetto alle vigenti normative su luoghi, attrezzature, processi produttivi, inquinanti (anche aerodispersi), gestione delle emergenze, ecc;
  • Valutazione dei rischi, tramite liste di controllo (check list), legate agli ambienti di lavoro, alle esposizioni ad agenti chimici, fisici, biologici, cancerogeni, alla organizzazione del lavoro, alla ergonomia, ai rischi di incendio, ecc;
  • Stesura del documento di valutazione dei rischi (DVR ) presenti in azienda con l'individuazione del programma di miglioramento nel tempo del livello di sicurezza;
  • Elaborazione di studi di fattibilità (business plan) per l'adeguamento, la riduzione, la limitazione o l'eliminazione dei rischi, con relativa analisi dei costi e piani di ammortamento;
  • Assistenza alle aziende per la creazione o l'adeguamento degli organi interni di gestione della prevenzione e protezione e delle emergenze (SPP, Servizio di Prevenzione e Protezione; OdV, Organismo di Vigilanza...);
  • Incarico esterno di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) di un nostro Tecnico qualificato in ottemperanza a quanto richiesto dal D.Lgs. 81/08 e s.m.i.;
  • Assistenza alle aziende per l'implementazione di un Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute nei luoghi di Lavoro tramite redazione di manuali, procedure gestionali, procedure operative, istruzioni e moduli;
  • Stesura dei piani di emergenza (Primo soccorso, Evacuazione, Lotta antincendio, ecc.) e direzione delle esercitazioni periodiche in prima persona da parte dei nostri Tecnici qualificati;
  • Assistenza per l'espletamento di pratiche amministrative autorizzative e di interlocuzione con gli organi di controllo e vigilanza (ASL, Province, Regioni ecc.);
  • Stesura del documento di valutazione dei rischi di esposizione a legionella in ambito di strutture alberghiere e sanitarie...
  • Molti altri servizi di consulenza e formazione, a completamento di quanto sopra elencato.

 

Incarico R.S.P.P. (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione) Esterno

Come previsto dal Testo Unico per la Sicurezza (D.Lgs. 81/08), il ruolo di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione può essere assunto direttamente dal Datore di lavoro o, in alternativa, può essere affidato (su diretta designazione del datore di lavoro) a dei professionisti esterni all'azienda che abbiano le capacità ed i requisiti professionali adeguati alla natura dei rischi in azienda.

 

 


Join Academy & Consulting è in grado di offrire, con la collaborazione di tecnici dalla comprovata esperienza professionale nei rispettivi settori, il servizio di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione esterno per tutti i macrosettori di attività.

 


L'incarico prevede:

 

  • l'individuazione dei fattori di rischio, la valutazione dei rischi e l'individuazione delle misure per la sicurezza e la salute degli ambienti di lavoro; il tutto naturalmente viene svolto nel rispetto della normativa vigente e sulla base delle specifiche caratteristiche dell'organizzazione aziendale;
  • la predisposizione, in collaborazione con Datore di Lavoro e Medico Competente, del Documento di Valutazione dei Rischi;
  • la predisposizione di uno scadenziario per il progressivo adeguamento alla legge;
  • l'organizzazione e di adeguate procedure per la gestione dei DPI;
  • l'elaborazione di programmi di informazione e formazione dei lavoratori come previsto dagli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08;
  • la costante assistenza al Datore di Lavoro nell'aggiornamento delle misure di prevenzione e protezione, sia a seguito di modifiche o evoluzioni del processo produttivo, sia a seguito di eventuali infortuni;
  • la proposizione di possibili soluzioni alle problematiche affrontate, anche eventualmente richiedendo i preventivi necessari, stilando i capitolati e fornendo consulenza di merito nella scelta delle migliori soluzioni proposte dai fornitori;
  • supporto al datore di lavoro nella stipula delle polizze assicurative RCT RCO verificandone la congruenza con l'attività svolta ed i rischi connessi;
  • partecipazione alla riunione periodica in materia di tutela della salute e di sicurezza di cui all'art. 35 del Decreto;
  • l'assistenza al datore di lavoro in caso di ispezioni o controlli da parte degli Enti preposti anche nella produzione della documentazione necessaria.

 

La cadenza delle visite, i tempi di assistenza ed i relativi costi, saranno stabiliti ed aggiornati di comune accordo in base alle effettive necessità che emergeranno nel corso dello svolgimento dell'attività. Si evidenzia che la nostra attività professionale è coperta da specifica assicurazione.

 

Vantaggi del nominare un R.S.P.P. Esterno

 

L'affidamento dell'incarico ad un professionista esterno si presenta come un'opportunità per il datore di lavoro in quanto presenta numerosi vantaggi:

 

  • esonera il datore di lavoro dall'obbligo seguire i corsi di formazione e di aggiornamento per RSPP previsti dall'art. 34 del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche;
  • si assume l'onere di gestire tutta la documentazione relativa alla sicurezza nei luoghi di lavoro con particolare attenzione all'evoluzione della normativa vigente;
  • cura la formazione periodica delle maestranze in relazione alla sicurezza;
  • sottopone al datore di lavoro un resoconto dei sopralluoghi periodici mettendo in evidenza le anomalie riscontrate e le soluzioni da adottare;
  • formalizza l'analisi dei rischi, redige ed aggiorna il piano degli interventi necessari al mantenimento di un elevato grado di salute e sicurezza ei luoghi di lavoro;
  • fornisce in ogni momento assistenza telefonica;
  • organizza e gestisce la riunione periodica sulla sicurezza come richiesto dall'art. 35 del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche.

 

Sistemi di Gestione sulla Sicurezza (SGS) secondo lo standard internazionale della norma OHSAS 18001

 

OHSAS 18001 (Occupational Health and Safety Assessment Series) è la norma riconosciuta a livello internazionale per i sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul lavoro.

 

OHSAS 18001 ha come obiettivo il miglioramento delle condizioni di sicurezza ed igiene sui luoghi di lavoro attraverso un approccio alla prevenzione ed al coinvolgimento di tutte le parti interessate, lavoratori compresi.

 

La norma è stata pensata per essere compatibile con ISO 9001 e ISO 14001 e per aiutare le organizzazioni a far fronte in modo efficiente ai propri obblighi in materia di sicurezza e protezione. Essa richiede:

 

  • Adozione di una Politica per la Sicurezza
  • Identificazione dei pericoli e valutazione e controllo dei rischi legati alla salute e alla sicurezza
  • Individuazione e valutazione dei rischi e pericoli connessi alle attività svolte da terzi
  • Definizione di obiettivi e programmi di continuo miglioramento
  • Definizione di compiti e responsabilità in materia di sicurezza e salute
  • Formazione, addestramento e coinvolgimento del personale
  • Modalità di consultazione e comunicazione con i dipendenti e le parti interessate
  • Gestione controllata della documentazione
  • Preparazione di misure atte a individuare, prevenire e controllare i possibili eventi accidentali (infortuni e mancati incidenti) e le emergenze
  • Controlli sistematici (infortuni, incidenti, non conformità, azioni correttive e preventive) e periodici sull´adeguatezza del sistema gestionale

 

A chi è rivolta

 

OHSAS 18001 può essere adottata da qualsiasi azienda (industriale, commerciale e di servizi) di ogni dimensione, operante in qualsiasi settore di attività che desideri Dotarsi di un Sistema di Gestione della SSL (Sicurezza e Salute dei Lavoratori) al fine di tutelare tutti coloro che si trovano più facilmente esposti a rischi per la salute e la sicurezza nello svolgimento delle rispettive mansioni

 

Essa consente inoltre di ottenere gli SGRAVI CONTRIBUTIVI INAIL per le aziende che attuazione azioni di miglioramento della sicurezza sui luoghi di lavoro.

 

 

 

La sorveglianza sanitaria e il Medico Competente

 

L’art. 15 del D.Lgs. 81/08 elenca tra le misure di tutela della salute sui Luoghi di Lavoro:

 

  • Il controllo sanitario dei lavoratori;
  • L’allontanamento del lavoratore dall’esposizione al rischio per motivi sanitari inerenti la sua persona e, ove possibile, modifica della mansione.

 

 

 

Queste due fondamentali misure sono verificate dalla sorveglianza sanitaria, effettuata dal medico competente.

L’Art. 18, c.1 lett a), del D.Lgs. 81/08 obbliga, in tutti i casi previsti dal decreto, il Datore di Lavoro a nominare il Medico Competente per attivare la sorveglianza sanitaria e per tutti gli ulteriori adempimenti previsti, tra i quali collaborare nella valutazione dei rischi ed essere presente alla riunione periodica.

 

L’Art. 41 (sorveglianza sanitaria) indica in quali casi deve essere attuata la sorveglianza sanitaria:

 

  • Nei casi previsti dalla normativa vigente, nonché dalle indicazioni fornite dalla Commissione consultiva;
  • Qualora il lavoratore ne faccia richiesta e la stessa sia ritenuta dal medico competente correlata ai rischi lavorativi;
  • In ogni caso ne venga individuata la necessità dall’esito della valutazione dei rischi.

 

 

 

Quest’ultimo punto è stato sottolineato anche dal D.Lgs. 106/09, e da successive interpretazioni giurisprudenziali in materia.

Gli adempimenti relativi alla sorveglianza sanitaria vengono demandati al datore di lavoro (art. 2, comma 1, lettera b) del D.Lgs.81/08) che viene identificato come il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o il soggetto che ha la responsabilità dell’organizzazione stessa o dell’unità produttiva in quanto esercita i poteri decisionali e di spesa. Tutto ciò deve essere individuato nel documento di valutazione dei rischi.

 

Strumenti della sorveglianza sanitaria:

 

La sorveglianza sanitaria in azienda si attua attraverso:

 

  • La cartella sanitaria e di rischio
  • Accertamenti sanitari specialistici
  • Giudizio di idoneità